E-mail marketing: gli obiettivi e i trends del 2018

Per noi, la più interessante tendenza per il 2018 è il riconoscimento della capacità delle PMI di intensificare le proprie qualità nell’Email Marketing.

35
Visite

L’Email Marketing continua ad essere un canale di comunicazione vitale: l’annuale report DMA dichiara che ad ogni email spedita corrisponde in media un ritorno sull’investimento 30 volte superiore.

Il 95% degli intervistati ha dichiarato di ritenere l’Email Marketing uno strumento importante o molto importante per la propria organizzazione. SEO, PPC, pubblicità e Social Media continueranno a occuparsi in modo eccellente di portare i clienti nel punto più stretto del funnel, ma è con l’Email Marketing che si stimola l’entrata nel funnel e si contribuisce a mantenere il posizionamento attraverso acquisti ripetuti e coinvolgimento del brand.

1Personalizzare per fidelizzare

 

La personalizzazione, i programmi di fidelizzazione e re-engagement sono fondamentali per le strategie di Email Marketing e consentono di aumentare la risposta in tutti i touchpoint del ciclo di vita del prospect: sebbene molte delle tecniche che contribuiranno maggiormente al successo nel 2018 non sono “nuove”, il loro utilizzo verrà incrementato in questo nuovo anno, affinando sempre più le dinamiche in gioco.

Email Marketing Trends per il 2018

L’ottimizzazione mobile ha comunque l’incremento più alto tra le nuove adozioni metodologiche (+9%) dimostrando ancora una volta quanto questo aspetto sia fondamentale per l’engagement e la retention sui dispositivi on-the-go che richiedono conversioni più veloci e fluide. Altre metodologie che riportano un incremento di interesse riguardano l’incoraggiamento del social sharing, una maggior attenzione alle email transazionali e contenuti dinamici basati sulla location o su altri feed social.

2Aumenta il ROI dei tuoi investimenti

La personalizzazione fatta bene è ancora appannaggio di una minoranza di aziende, ma la percentuale di coloro che si adoperano per sfruttare i dati a vantaggio di contenuti più pertinenti ha comunque subito un incremento positivo: le email spedite sulla base di attività individuali sono passate da un 8 a un 15%. Le aziende che adottano queste metodologie concordano (71%) nell’affermare che questo conduce a buone o eccellenti performance.

La segmentazione delle liste è un requisito per il successo proprio perchè permette alle aziende di consegnare messaggi efficienti suddividendo i prospect e i consumatori in differenti gruppi basati su fattori distintivi come locazione o categoria merceologica per interagire in modo differente con i loro interessi. Questa strategia fondamentale consente agli esperti di marketing di passare da un approccio generalistico dell’Email Marketing verso un canale di comunicazione più orientato alla misura delle esigenze individuali.

nel 2018 l’automazione, i contenuti custom e la gamification diventeranno una stella polare

Risultati immagini per email automation

3Le PMI si serviranno di competenze digitali avanzate

La più interessante tendenza per il 2018 è il riconoscimento della capacità delle PMI di intensificare le proprie qualità nell’Email Marketing. Se le statistiche descrivono ancora lo stato dell’Email Marketing con dati distorti dalle possibilità delle grandi aziende, sono invece principalmente le piccole e medie imprese i mittenti dei milioni di email spedite quotidianamente. Negli anni precedenti hanno appreso l’esistenza del canale e i suoi innumerevoli vantaggi, incluso l’elevato ROI e oggi le PMI sanno che l’Email Marketing più efficiente è fatto di pratiche di valore (A/B testing, multi channel campaigns, flussi di comunicazione automatizzati, …) e profilazioni avanzate.

Vuoi avere maggiori informazioni sulla qualità di invio delle tue e-mail? Contattaci per una consulenza gratuita.

COSA NE PENSI?

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome